IL RECUPERO DA UN INFORTUNIO PARTE DALL'ACCETTAZIONE



C’è un interessante studio del dottor Luke Khoury, chiropratico sportivo, che illustra come le 5 fasi del dolore e del lutto sono altrettanto trasferibili alle fasi che i pazienti attraversano quando hanno subito un infortunio, in particolare tra la popolazione atletica.


FASI DEL LUTTO

Rifiuto

Rabbia

Patteggiamento

Depressione

Accettazione


Quando pensiamo alle lesioni sportive, raramente si considera l'aspetto psicologico del processo di guarigione. Come praticante muscolo-scheletrico, il Dr. Khoury parla di come si possa curare il trauma fisico, tuttavia se il paziente non ha accettato la lesione e non ha attraversato le fasi come sopra, a volte interventi, manipolazioni e fisioterapia non sono sufficienti.

Per spiegare le fasi, bisogna immaginare un individuo che pratica uno sport come CrossFit, F45 o varie altre forme di allenamento di resistenza ad alta intensità.

Il paziente X si presenta alle sessioni fisioterapiche con un dolore alla spalla in corso. “È iniziato qualche tempo fa, ma ho pensato che sarebbe migliorato da solo nel tempo…” ed è qui che iniziamo.


RIFIUTO

Il paziente X negli ultimi due mesi si è allenato con una “magagna” nella spalla, che non è andata via e ha continuato ad allenarsi nonostante il dolore.

Ci siamo passati tutti quanti. A che punto una “magagna” diventa abbastanza grave da essere percepita come un problema? Noi come esseri umani siamo progettati per sopravvivere e questo è ciò che la negazione ci consente di fare. La negazione è il meccanismo difensivo più comune che usiamo, fingiamo che una cosa spiacevole non sia accaduta…traumi fisici compresi.

Mentre il paziente X continua ad allenarsi, si può vedere il dolore dipinto sul suo viso, tuttavia la sua mente sta dicendo “sei solo freddo ... ho solo bisogno di allungare di più ... si riscalderà …”.

È alla ricerca di un modo per respingere cosa sta davvero accadendo per continuare a fare ciò che ama.

Tuttavia, dopo un certo periodo di tempo, il corpo crolla. Quando si prova dolore, è il corpo che invia segnali di pericolo per far sapere se si continua ad andare, accadrà qualcosa di brutto. Se non ascolti, il corpo ti fermerà aumentando il dolore o anche andando ad aggravare l’infortunio.

Ora il paziente X in questa fase sta diventando frustrato con l'allenamento e ora passa alla fase 2.


RABBIA

Ci arrabbiamo tutti di tanto in tanto, e non c'è nulla di sbagliato nell'essere arrabbiati o frustrati quando si subisce un infortunio: è una parte molto importante del processo di guarigione.

Poiché la rabbia è un'emozione senza limiti, il livello di rabbia di un individuo cresce in modo esponenziale con il suo amore per il loro sport. La rabbia potrebbe essere diretta verso se stessi per non aver ascoltato il proprio corpo, per non aver fatto qualcosa prima, la rabbia verso il proprio medico o operatore sanitario per l'identificazione della lesione o per non aver fornito una "soluzione rapida", la rabbia verso gli allenatori perché nonostante si sono eseguiti gli esercizi alla lettera, ci si è comunque infortunati ...“Perché io?”

Sebbene sia un'emozione necessaria da provare, prima passa meglio è.


PATTEGGIAMENTO

Il Dr. Khoury parla anche di come il momento in cui cercare un compromesso è di solito il più frustrante sia per il paziente che per il medico. Durante questa fase il paziente cerca di identificare i modi per aggirare la lesione per continuare a fare ciò che ama.

Ad esempio, il paziente X ha una lesione alla spalla, che limita l’alzare pesi sopra la testa. Invece di identificare e accettare la presenza di un problema, che può richiedere riposo, il paziente X continua a negoziare e contrattare modi per aggirarlo.

"... quindi se non riesco a Overhead press posso fare le gli Upright rows ..."

A volte il patteggiamento può essere diretto verso l'effettiva riabilitazione fornita, come ad esempio:

"... se faccio il doppio della riabilitazione prescritta, potrò tornare prima all'allenamento ..."

Come ogni contrattazione, di solito ottieni quello per cui paghi ... e se non paghi le quote, aumenta la possibilità di un nuovo infortunio.


DEPRESSIONE

A differenza della rabbia, che concentra la tua energia emotiva su ciò che è accaduto e ciò che avrebbe potuto essere, la depressione focalizza la tua attenzione sul presente. Questa è la fase di realizzazione, la fase in cui comprendi l'entità del tuo infortunio e quali sono veramente i tuoi limiti. Questo è uno stadio che deve essere affrontato con delicatezza e tempestività. Tutti gestiamo le nostre emozioni in modo diverso e, se necessario, è fortemente consigliato un supporto aggiuntivo.

Questa è una fase molto delicata in cui si rischia di rimanere bloccati. Potrebbe non solo interessare chi ha subito l’infortunio, ma anche amici e famiglia.

Ad esempio, al paziente X potrebbe essere richiesto di svolgere attività limitate durante l'allenamento, tuttavia può comunque allenarsi anche se vengono applicate restrizioni, può ancora trascorrere del tempo con la famiglia e gli amici e può ancora sorridere sapendo che superare un ostacolo come un infortunio ti rende una persona più forte .

Il che ci porta alla fase finale...


ACCETTAZIONE

Congratulazioni: hai premuto l'interruttore!

Questo è lo stadio in cui accettiamo di essere feriti, accettiamo che dobbiamo fare ciò che è necessario per tornare a ciò che amiamo fare; accettiamo l'idea che il riposo non sia debolezza, ma sia un vero segno di forza. In questa fase possiamo davvero iniziare a lavorare sull'infortunio sia fisicamente che mentalmente.

Ora siamo sulla strada della ripresa!




©2019 by traintosmileblog. Proudly created with Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now